Vesuvio: 69 anni dopo l’ultima eruzione il pericolo è ancora vivo

Tagli

vesuvio1

Sono passati 69 anni, ma quei giorni di marzo del 1944 rimarranno sempre nella memoria collettiva di una città: Napoli. Non tanto per gli inglesi e alleati in città, per le case sventrate dalle bombe e dalla fame. Ma per un evento che ogni volta scuote la città, per la sua violenza, per l’inarrestabile forza nella natura.

Già, perché nel mese di marzo 1944, il Vesuvio, che domina dall’alto dei suoi 1281 metri il Golfo di Napoli, il “formidabil monte sterminator Vesevo” come lo appellò Giacomo Leopardi ne “La Ginestra”, riprese la sua attività eruttiva, dopo appena 38 anni dalla grande eruzione del 1906 e appena 15 anni dall’ultima eruzione registrata.

Nonostante le dimensioni di questa eruzione i morti furono circa 50 e tutti “indiretti”, né causati dalla lava, né dalle nuvole ardenti, ma dal crollo dei tetti delle case.

vulcan_panorama1Da quella eruzione, finora, il monte ha vissuto…

View original post 637 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...