Will the Universe collapse in a Big Crunch?

AstronomicaMens

Nel 1922, il cosmologo russo Alexander Friedmann propose delle soluzioni alle equazioni di campo di Einstein nel caso di un Universo omogeneo, isotropo e non statico. Sotto queste ipotesi, è possibile definire una densità media dell’Universo, ossia una densità di massa-energia e, come lo stesso Friedmann dimostrò a suo tempo, descrivere lo spazio in ogni istante con un solo numero, la curvatura scalare. Da qui si ricavano tre modelli di Universo, detti modelli di Friedmann, in funzione del parametro di curvatura k per cui l’Universo può assumere o una geometria iperbolica (k=-1, aperto), o una geometria euclidea (k=0, piatto), oppure una geometria ipersferica (k=1, chiuso). Dunque, una previsione di questi modelli implica che l’Universo potrebbe un giorno collassare a causa della mutua interazione gravitazionale dovuta alla materia presente nell’Universo, una ipotesi che sembra essere confermata oggi da alcuni calcoli eseguiti da un gruppo di fisici dell’University of Southern Denmark

View original post 910 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...