Gli esopianeti di T.E.S.S.

Si chiama Transiting Exoplanet Survey Satellite, per gli amici Tess, ed è l’ultimissima missione Nasa per la ricerca di esopianeti, cioè pianeti che si trovano al di fuori del nostro sistema solare.

Dopo lo straordinario lavoro di Kepler, avviato alla pensione, grazie al quale dal 2009 sono stati individuati oltre 5000 pianeti extrasolari, il testimone passerà a TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), il cui compito sarà, proprio come per il suo predecessore, quello di segnalare nuovi candidati pianeti da confermare poi con ulteriori studi e dati da altri telescopi. Quello che ci si aspetta è che nell’arco dei prossimi due anni ne individui fino a 20.000!

TESS si concentrerà su stelle vicine e luminose, in modo da  facilitare il compito a telescopi che, dallo spazio e da terra, dovranno poi confermare o smentire la natura planetaria dei candidati individuati. Sempre parlando di aspettative e probabilità, ci si aspetta che tra questi ventimila candidati almeno 500 siano di taglia confrontabile al nostro pianeta (entro il doppio delle dimensioni della Terra), e che quindi possano essere buoni candidati anche per la ricerca di forme di vita.

Il nuovo cacciatore di esopianeti è pronto quindi a partire, dal 16 aprile, dallo Space Launch Complex 40a di Cape Canaveral (Florida) a bordo del razzo SpaceX Falcon 9.

 

 

Tuttavia, ci vorranno alcuni mesi, affinché, TESS, entri nella sua fase operativa e inizi a raccogliere dati.

TESS, cercherà gli espianti, utilizzando il sistema dei transiti:

il satellite osserverà le stelle cercando cali nelle curve di luce, che potrebbero indicare il transito di un pianeta di fronte alla stella. La misura di questi cali di luminosità può dare ai ricercatori un’idea delle dimensioni del pianeta.

Per analizzarne poi le atmosfere, e cercare molecole che possano suggerire la presenza di vita, sarà invece necessario attendere il telescopio spaziale della NASA James Webb, al momento previsto per il lancio nel 2020, sperando non intervengano ulteriori problemi.

 

Allora, non bisognerà altro che attendere alcuni mesi, per sperare finalmente, nella scoperta di in un pianeta abitato da E.T. 😉

Fonte: Coelum 

 

Annunci

Humea, il pianeta nano ai confini del sistema solare

Su Nature, la nota e importante rivista scientifica, è stato pubblicato un articolo che annuncia la scoperta di un pianeta nano ai confini del sistema solare, Humea, questo è il suo nome.

2003EL61art

In realtà il pianeta era già noto dal 2004 ma solo adesso, si sono identificate le sue caratteristiche strutturali grazie ad un evento particolare: Haumea, il 21 gennaio 2017, è passato contro il disco di una stella lontana e l’evento è stato osservato con ben dodici telescopi, di cui quattro in Italia.

Il pianetino ha due lune Hìiaka e Namaka.

Haumea è molto allungato e ha un disco di polveri come Saturno. Haumea e le sue due lune non hanno atmosfera e sono ricoperti di ghiaccio d’acqua quasi puro. L’ipotesi dei ricercatori è che il pianeta e le sue lune siano nati dalla rottura di un corpo celeste più grande, dovuta alla collisione con un altro oggetto celeste.

La scoperta è stata resa possibile da una grande collaborazione internazionale e si deve ai ricercatori guidati da Jose Luis Ortiz dell’Istituto di Astrofisica dell’Andalusia, a Granada. Anche l’Italia vi partecipa con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), l’università di Padova, e gli osservatori di San Marcello Pistoiese, di Tavolaia, di Lajatico e di Monte Agliale.

Fonte: Vesuvio live